La Scelta

La Scelta

Concerto di Natale

Concerto nataleConcerto in preparazione al Santo Natale

Sabato 17 Dicembre 2016

ore 20,45

Prepositurale Santa Maria Nascente di Erba

in occasione delle prossime festività ed in concomitanza con l'ingresso in parrocchia del nuovo Prevosto Mons. Angelo Pirovano, il coro " I Cantori di Erba”, in collaborazione con l'Accademia Europea di Musica, organizza un concerto di melodie natalizie.

Il repertorio proposto percorrerà la storia della musica natalizia partendo dal canto monodico ambrosiano, passando dalla polivocalità medioevale, alla polifonia rinascimentale per completarsi  coi grandi autori classici e coi canti della tradizione popolare in armonizzazioni per coro a 4 voci dispari e strumentazione. 

L’Accademia Europea di Musica, diretta dal M° Stefan Coles, è attiva da parecchi decenni ad Erba e si occupa della formazione musicale dei giovani. Nell’ambito della stessa Accademia si è costituita un'orchestra composta dagli allievi e coordinata dal M° Stefan Coles e dal M° Antonello Molteni che suonano in concerto assieme ai ragazzi. Il coro “ I Cantori di Erba”, attualmente diretto da Francesco Andreoni, è una formazione a 4 voci miste che da oltre 50 anni si occupa dell' animazione musicale liturgica nella Parrocchia Prepositurale.

Uniti da legami invisibili - racconto/1

L'acqua, che dopo percorsi sotterranei riemerge in superficie, doveva essere la protagonista della nostra passeggiata. E lo è stata. Ma non solo l'acqua che affiora nelle risorgive, anche l'acqua che piove dal cielo, e che in fondo le alimenta.

ritrovo

Il ritrovo...Siamo circa cento! 

La passeggiata comincia... “...noi tutti esseri dell’universo siamo uniti da legami invisibili e formiamo una sorta di famiglia universale, una comunione che ci spinge a un rispetto sacro, amorevole e umile” (dall'Enciclica Laudato si')

sosta tre ponti

La prima sosta...

bambini

Sul confine tra la zona urbanizzata e la zona verde. Alessandro ci racconta il percorso della Roggia Tre Ponti e di come l'acqua si infiltra attraverso terreni ghiaiosi e permeabili e poi scorre nel sottosuolo sopra superfici impermeabili, quelle che una volta erano i fondali del grande lago che univa l'attuale lago di Pusiano e quello di Alserio.

Si fa notare l'importanza di mantenere una netta separazione tra la zona verde e la zona urbanizzata. La città è arrivata ad un limite che non deve assolutamente superare.

seconda sosta

 La seconda sosta...

 sergio

 Sul confine con la zona agricola, Sergio ci spiega l'importanza di mantenere delle zone verdi che fungono da corridoi per la migrazione degli uccelli. Ci racconta come questa zona, un tempo usata come discarica per i rifiuti, ora sia stata ripulita, ma occorre sempre vigilare per la sua conservazione. 

canale

La canalizzazione dell'acqua...

prato

In avvicinamento alla zona umida Rodilosso...Comincia a piovere!

ombrelli

Clicca qui x continuare...

 

Il grido della terra - racconto

Martedì 4 ottobre, memoria di Francesco d'Assisi, 575 bambini delle scuole primarie di Erba hanno varcato la soglia dell'Excelsior per assistere alla proiezione del film: Il viaggio di Norm. Abbiamo proposto 2 proiezioni, una la mattina e una il pomeriggio.

bambini cinema

Norm, il protagonista del film, è un Orso Bianco che cerca di salvare l'Artico da un piano di edificazione destinato a mandarne in frantumi l'ecosistema. E lo fa grazie ad un dono: sa parlare la lingua degli uomini. Abbiamo riflettuto con i bambini su questo dono, quello cioè di poter raccontare ad altri e denunciare le cose che mettono a rischio il nostro pianeta ed il benessere degli esseri viventi. 


Nelle mattine di Sabato 8 e Sabato 15 ottobre sono state invece le scuole secondarie ad assistere alla proiezione del film: This Changes Everythings, tratto dall'omonimo saggio di Naomi Klein. Hanno partecipato a queste due proiezioni 815 ragazzi della scuola media Puecher, dell'Istituto Romagnosi e dell'Istituto Carlo Porta. 

grido terra

this changes everthings

Il film presenta alcuni tra i più gravi casi di inquinamento del mondo legati allo sfruttamento economico delle risorse naturali, e mostra la mobilitazione delle comunità locali in difesa del proprio ambiente e dei propri diritti di cittadini.

Abbiamo chiesto ai ragazzi di riflettere sul nostro modello di sviluppo e di immaginare strade di cambiamento alla loro portata. 

Un ringraziamento speciale agli insegnanti Giovanna, Carla, Alessandro e Giuditta per l'impegno nel coinvolgimento delle scuole e a Gabriella di Rete Clima per averci aiutato ad approfondire.

Alla prossima! 

Uniti da legami invisibili - racconto/2

Entriamo nella splendida area Rodilosso...

  laghetto

Il laghetto...

il laghetto dalla casa

 La Signora Amalia, proprietaria della zona che stiamo visitando, ci richiama all'importanza della salvaguardia dell'ambiente naturale. Queste sono state alcune delle sue parole..: "la natura non ha bisogno dell'uomo, ma l'uomo ha sempre bisogno della natura..."

cantico creature

 Ascoltiamo il cantico delle creature...

Il coretto della Parrocchia di S.Maria Nascente suona il Cantico delle creature e ascoltiamo alcune parole dagli scritti di S.Francesco lette da Mattia...

scritti san francesco

 Dagli scritti di S.Francesco...

Abbi cura dell’uomo, dell’animale, delle erbe, dell’acqua e dell’aria per tuo amore e perché
la terra non ne resti priva / Usa le cose con parsimonia perché la dissipazione non ha futuro / Cammina con riverenza sulla pietra poiché ogni cosa ha il suo valore...

 zona umida 

Sotto una pioggia ormai battente facciamo un rapido giro dell'oasi...

giulia e camilla

 Al rientro Giulia e Camilla, in duetto con i flauti, ci suonano"El Condor Pasa"

Voglio tornare alla mia amata terra e vivere
con i miei fratelli Inca, che è ciò che più rimpiango
Oh Condor...

cavallo

 Un amico ci guarda curioso... 

nisshash

Ci accompagna anche p.Luca dalla sua missione in Costa D'Avorio..

Gli amici di Nisshash ci consegnano alcune sue parole: "rispondendo alla richiesta di partecipare da qui alla vostra iniziativa “ UNITI DA LEGAMI INVISIBILI”, e convinto che anche a legare me a voi, noi -qui in Costa d’Avorio- a voi che vivete in Italia ci siano molteplici legami invisibili,  da scoprire, intuire, sentire e vivere, scrivo queste poche righe....

shongoti

 La merenda di Shongoti...

Alla cinque pioveva forte, e non siamo riusciti a documentare l'ottima merenda equa e solidale che ci è stata preparata dagli amici di Shongoti. La Signora Amalia ci ha gentilmente dato ospitalità nella sua casetta. Abbiamo scelto una foto con il sole per raccontare la bellezza e il calore di questo momento finale.

Grazie all'Associazione Amici della Riserva Valle Bova, al CAI Erba, a Nisshash, a Shongoti, all'Istituto comprensivo G. Puecher e a tutti i partecipanti!

Cultura e comunicazione

logo cultura

Portare in primo piano la dimensione culturale della fede significa richiamarci ad agire con coerenza in ogni ambito di relazione e impegno, con sguardo aperto ad accogliere il bisogno dell’altro, disponendoci al confronto in un contesto culturale sempre più plurale. (Rosangela Lodigiani)

Condividi

FacebookTwitterRSS Feed