Storia della comunità

 parrocchie della Comunita pastorale

La Comunità Pastorale Sant’Eufemia è ufficialmente nata il 1° settembre 2007, coinvolgendo quattro delle sette parrocchie della città di Erba: S. Maria Nascente, S. Maria Maddalena, S. Marta, S. Maurizio.

Come chiarito dal nostro Arcivescovo nel Decreto di Costituzione, la Comunità Pastorale rappresenta una “forma di unità pastorale tra più parrocchie affidate ad una cura pastorale unitaria e chiamate a vivere un cammino condiviso e coordinato di autentica comunione, attraverso la realizzazione di un concreto, preciso, e forte progetto pastorale missionario”.

Inizialmente era stato istituito un nuovo organismo definito Gruppo di Collegamento, costituito da tre rappresentanti per ciascun Consiglio Pastorale, con il compito di collaborare con il Direttivo nell’individuazione delle priorità della Comunità Pastorale, promuovere la conoscenza delle diverse realtà delle singole parrocchie, elaborare un calendario comune e favorire la realizzazione di un progetto pastorale comune.

Venivano inoltre create delle Commissioni, formate da persone provenienti dalle quattro parrocchie, le quali hanno promosso iniziative unitarie.

Dal settembre 2007 diventa Parroco della Comunità Pastorale don Giovanni Afker.

Nel settembre 2009 è stato istituito il Consiglio di Comunità Pastorale, formato dal Direttivo, da tre consiglieri di ciascuna parrocchia e dalla segretaria, con il compito di orientare le singole Parrocchie verso una comunione di intenti e di azione pastorale tenendo conto dell’identità e delle specificità di ciascuna.

La creazione di un unico Consiglio, in cui laici e sacerdoti lavorano insieme, ha rappresentato un passaggio fondamentale per promuovere un’effettiva corresponsabilità.

Sono state promosse, inoltre, diverse iniziative pastorali comunitarie, quali ad esempio:

- il percorso di formazione per le catechiste dell’iniziazione cristiana;
- il percorso dei cresimandi;
- le iniziative di formazione per i laici, in collaborazione con il Decanato;
- le proposte spirituali, caritative e culturali comunitarie nei tempi liturgici di Avvento e Quaresima;
- il percorso di spiritualità delle coppie;
- il momento di preghiera e condivisione con le badanti;
- la Scuola di italiano per stranieri presso la Casa della Gioventù;
- la processione cittadina del Corpus Domini;
- gli incontri dei Consigli Affari Economici delle quattro Parrocchie.

Nell’ottobre del 2011 la nostra Comunità Pastorale ha vissuto poi un momento di particolare importanza: l’elezione del Consiglio di Comunità Pastorale che resterà in carica fino al 2015.

Nei mesi successivi si è provveduto, inoltre, al rinnovo dei quattro Consigli Affari Economici con la “missione” di tendere ad una sempre più stretta collaborazione.

Come suggerito dal Cardinale Tettamanzi, l’elezione del Consiglio di Comunità Pastorale ha rappresentato “l’occasione per un vero e proprio rilancio dell’esperienza del consigliare per un discernimento ecclesiale, che sappia affrontare con rinnovata fiducia le sfide sempre nuove poste alla Chiesa”. 

Si è cercato di dare visibilità a questo organismo esponendo all’esterno delle nostre Parrocchie l’elenco completo dei componenti corredato dalle relative fotografie.

Si è provveduto, innanzitutto, ad affrontare alcune questioni di metodo adottando un Regolamento e si è dedicato ampio spazio alla formazione.

Nel corso del 2012 si è provveduto alla stesura del Progetto pastorale per il triennio 2013-2016.

Si tratta di un risultato molto importante perché il Progetto Pastorale rappresenta una sorta di carta costituzionale della Comunità Pastorale e deve servire, come chiarito dalla Commissione Arcivescovile per la Pastorale d’insieme, “a motivare, ordinare, armonizzare iniziative, intenzioni, responsabilità in vista dell’adempimento della missione”.

Nel dicembre 2016, a fronte delle dimissioni per il raggiungimento del limite di età di don Giovanni Afker, viene nominato nuovo Parroco della Comunità Pastorale Mons. Angelo Pirovano.

 

Condividi

FacebookTwitterRSS Feed