• Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
TU SEI QUI: La parola - Anno 2018 Se non hai mai fatto volontariato non potrai mai capire.

Se non hai mai fatto volontariato non potrai mai capire.

E-mail Stampa

2018-11-25_II-avvento.png

Il rapimento di una volontaria italiana in Kenya, forse per chiedere un riscatto, ha scatenato reazioni contrastanti tra chi capisce i rischi a cui va incontro chi va in luoghi non protetti cercando di portare istruzione ai bambini dei villaggi sperduti nella convinzione che solo con la scolarizzazione si può vincere la miseria e la reazione grossolana e volgare di chi invece non comprende, e che pertanto si lascia andare a giudizi che avrebbe fatto meglio a non esternare.

Sui social è apparso di tutto. Giudizi e parole irripetibili all’indirizzo di una ragazza volontaria che ha messo la sua vita a servizio degli altri. Tira una brutta aria da tempo. Ho avuto spesso modo di dire che ormai non si attaccano più solo i “poveri”, ma anche coloro che cercano in qualche modo di aiutarli. Il mantra “aiutiamoli a casa loro” va bene solo come propaganda, perché se poi qualcuno sul serio cerca di farlo viene perfino irriso e insultato come è capitato a Silvia la ragazza rapita.

Non si chiede di condividere lo spirito di solidarietà che muove uomini e donne che rischiano la vita per aiutare chi è in difficoltà, ma neanche possiamo accettare il cinismo di chi disprezza in modo violento e volgare chi fa volontariato. La frase meno cinica che ho sentito è: “se l’è cercata” immaginatevi le altre. È da questa estate che c’è in atto un attacco feroce a tutte le organizzazioni di volontariato. Dalle navi nel Mediterraneo, ai volontari nei centri di accoglienza, e ad altre organizzazioni di volontariato.

Perché tanto cinismo? Perché tanto rancore? Le ragioni possono essere tante, ma una sta sotto tutta questa cattiveria: se non hai mai provato a fare qualcosa per gli altri non capirai mai. Infatti se la concezione della vita è all’insegna dell’egoismo, del pensare solo a sé stessi, al proprio benessere non capirai mai. Per fortuna c’è chi sa andare oltre il rancore e la cattiveria perché sente che si può aiutare mettendo in gioco sé stessi, anche a rischio della propria vita, e non solo con messaggino inviato seduto comodamente sul divano di casa davanti al televisore.

Chi non è d’accordo stia almeno in silenzio.

Radio Mater

bannerRMp





RADIO MARCONI

half_banner-2
half_banner-3

  • Photo Gallery
  • Audio Gallery
  • Video Gallery
TU SEI QUI: La parola - Anno 2018 Se non hai mai fatto volontariato non potrai mai capire.