• Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
TU SEI QUI: La parola Volto della Chiesa.

Volto della Chiesa.

E-mail Stampa

2019-10-27_I-dopo-dedicazione.png

Continuando la riflessione a margine della lettera Pastorale del nostro Vescovo Mario sul “volto della Chiesa”, dopo esserci soffermati sullo Stupore e sul sentirsi a proprio agio nella storia, il Vescovo si sofferma sulla comunità cristiana che è “sensibile al “forte grido” che protesta contro il male, che reagisce all’ ingiustizia, che raccoglie il gemito dei poveri, che denuncia la prevaricazione dei potenti”.

Non sempre però questa sensibilità è evidente. Si ha spesso l’impressione che non è la Chiesa in quanto tale ad ascoltare il “forte grido”, ma solo alcune presenze vive nella Chiesa, come Caritas e altri movimenti. Ho quasi l’impressione che davanti a tante forme di ingiustizia non protestiamo più, ci siamo quasi assuefatti. Del resto ogni giorno ci vengono rovesciate addosso notizie di drammi, di povertà, di storie di miseria, che ormai non ci facciamo più caso.

Se l’indifferenza fosse solo legata alla quantità di notizie che ascoltiamo sarebbe comprensibile, anche se non scusabile. Grave sarebbe se per scelta noi giriamo il volto dall’ altra parte, se di proposito cambiamo canale pur di non vedere, se dalle immagini trasmesse, o dall’ incontro con situazioni di povertà, ci lasciassimo prendere dal lamento che copre tutto di grigio e spegne l’indignazione che sempre dobbiamo tenere viva davanti alla ingiustizia e alla prevaricazione dei potenti.

Ammiro il nostro Vescovo che dalla sua posizione a capo di una diocesi vede e riconosce nella comunità il forte grido di protesta, ma fuori alla periferia non ho questa sensazione. Questa sensibilità è ancora di pochi, ma non smetteremo di lavorare perché diventi di tutti.

Radio Mater

bannerRMp





RADIO MARCONI

half_banner-2
half_banner-3

  • Photo Gallery
  • Audio Gallery
  • Video Gallery
TU SEI QUI: La parola Volto della Chiesa.