• Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
TU SEI QUI: Parrocchia Eremo S. Salvatore

Eremo San Salvatore

E-mail Stampa






L'Eremo S. Salvatore è la sede spirituale dell'Istituto Secolare Cristo Re. All'Eremo i membri dell'Istituto trovano quell'ambiente spirituale di formazione, di preghiera e di condivisione che li aiuta a vivere il dono della vocazione ricevuta in dinamica fedeltà al carisma di fondazione.
In ragione di tale fedeltà l'Istituto attraverso alcuni suoi membri si impegna a svolgere all'Eremo un servizio ecclesiale volto a condividere con altri lo "spirito" di quel carisma.
Più esplicitamente, si tratta del servizio di una proposta evangelica di vita vissuta in condizioni di laicità e profondamente rispettosa del tipo di vocazione - missione che il Signore ha a ciascuno affidato.
Per questo l'Eremo intende essere un luogo di silenzio, di preghiera, di accoglienza e di accompagnamento spirituale per chi vuol condividere i valori di una spiritualità laicale fondata essenzialmente sull'ascolto della Parola di Dio e vuole nel contempo confrontarsi sui problemi della Chiesa e del mondo di oggi.

L'obiettivo prioritario di tutte le iniziative è suscitare nei partecipanti un vero anelito alla santità e un desiderio forte di conversione e di rinnovamento spirituale, nella convinzione - secondo le bellissime parole di S. Ambrogio - che "in Cristo abbiamo tutto. Ogni anima, dunque gli si accosti: sia essa malata per i peccati della carne o trafitta dai chiodi di una passione mondana, sia imperfetta ma desiderosa di avanzare nell'orazione o già perfetta per le molte virtù; gli si accosti, perché nel Signore è ogni potere ed Egli è tutto per noi".
"L’Eremo di San Salvatore viene ora usato come casa per ritiri spirituali e per giornate di studio, ed è aperto a tutti coloro che se ne vogliano servire per il bene della propria anima a maggiore gloria di Dio. La povertà del luogo, la sua vicinanza alla selva e la sua apertura sul vasto ed ameno paesaggio della Brianza, lo fanno veramente adatto a questo scopo".
Lo ha scritto Giuseppe Lazzati che qui ha trascorso giornate intere in preghiera e meditazione; un laico che ha tradotto il credere in vivere.

Fonte sito della Diocesi di Milano

L’Eremo San Salvatore fu costruito nel 1536 da alcuni frati Cappuccini, che cominciarono a fabbricare alcune piccole stanze su un terreno di proprietà di un nobile della zona, un certo Leone Carpani.
I primi padri che abitarono il convento furono Marco da Bergamo ed Evangelista da Canossa. Nel 1562 fu consacrata la chiesa dall’allora Vescovo di Ivrea Monsignor Gerolamo Ferraguti.
Nell’anno 1578 per consiglio di S. Carlo Borromeo, Arcivescovo di Milano le celle tramezzate da vimini e creta furono demolite e sostituite da celle edificate in pietra e calce. Nel 1584 anno della sua morte San Carlo Borromeo effettuò la sua ultima visita.
Fino al 1810 il convento visse con intensità la sua presenza e la sua attività nonostante che dal 1797 la Repubblica Cisalpina fece sparire 30 mila frati e centinaia di conventi.
Ma il 10 aprile del 1810 Napoleone I decretò lo scioglimento del convento, la chiusura della chiesa, l’evacuazione entro venti giorni.
Da allora sino al 1952 il convento perse la sua natura di luogo di preghiera e di silenzio.
In quell’anno Luigi Dossi ed Enrico Camurati che erano alla ricerca di un luogo per farne un centro di forma-zione religiosa dei giovani scoprirono la possibilità di acquistare l’Eremo e riportarlo lentamente all’antico scopo e splendore.

Da allora con continui adeguamenti e ristrutturazioni, sino all’ultima del 1995-1996 l’Eremo è diventato un luogo accogliente per coloro che desiderano stare tu per tu con il Signore.

Fonte sito della Diocesi di Milano


Durante i lavori di ripristino della Cappella, fu ritrovato l’affresco raffigurante la Crocifissione, attribuito a Michelino da Besozzo.
L’affresco raffigurante una Crocifissione, si trova sulla parete di fondo della cappella dell’Eremo.
In pochi metri di parete è raffigurato il Cristo in croce, livido nelle membra appena avoriate, su cui biancheggia, delicatissimo il perizoma; il volto è profondamente segnato dalla sofferenza, mentre il sangue zampilla dal costato, dalle mani e sgorga copioso dalla ferita dei piedi, straziata dal chiodo su cui grava il peso delle membra Ai piedi della croce è Maria Maddalena, della quale non si vedono che il profilo del volto scomposto dal lamento e le mani protese verso il legno.
Ai lati, la Vergine e Giovanni. La Madre ha il viso pallidissimo e compunto appena increspato di rughe, lo sguardo sconsolato che erra obliquamente attraverso la scena; le mani, piccole e contratte, sul grembo: sopra la veste carminio il manto color prugna ha trasparenze di miniatura.
Giovanni, pure in atto di dolore contenuto, preme il mento contro le mani serrate in preghiera; il largo mantello rosso vibra sul verde brillante dell’abito.

Fonte sito della Diocesi di Milano

L’Eremo San Salvatore offre oggi la possibilità di ospitare gruppi di persone o singoli sino ad un massimo di 45 posti letto, quasi tutti in camere singole con bagno.

Tale disposizione è fatta per mantenere il clima di sobrietà e di silenzio tipico dell’Eremo. Si intende con ciò privilegiare gruppi che vogliano effettuare un cammino di meditazione, preghiera ed ascolto della Parola.
All’interno dell’Eremo ci sono alcune sale per riunioni di gruppi, la cappella dove svolgere le celebrazioni.
Inoltre il parco intorno all’Eremo offre, in particolare in giornate di bel tempo, oltre alla meravigliosa vista sulla Brianza e sulle montagne adiacenti, un luogo ideale per il silenzio.
Lo stile che si vuole tenere all’Eremo è quello dell’attenzione a tutti, nell’accoglienza e nell’accompagnamento spirituale.

Fonte sito della Diocesi di Milano

Radio Mater

bannerRMp





RADIO MARCONI

half_banner-2
half_banner-3

  • Photo Gallery
  • Audio Gallery
  • Video Gallery
TU SEI QUI: Parrocchia Eremo S. Salvatore