• Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
TU SEI QUI: La parola Lieti nella speranza.

Lieti nella speranza.

E-mail Stampa

2019-06-16_trinita.png

Oggi sarà festa grande nella Comunità pastorale Santa Eufemia per don Giulio che celebrerà la sua prima messa per le quattro parrocchie che la compongono. C’è un grande fervore nei preparativi che qualcuno potrebbe considerare eccesivo. Ma come ha detto il Vescovo Mario Delpini l’8 giugno giorno dell’Ordinazione Sacerdotale c’è un motivo profondo dietro questa mobilitazione: “Avete forse un segreto per attrarre tanta gente? Tutta questa gente che si è radunata volentieri e festosa è qui per voi, che state per ricevere l’ordinazione presbiterale. Tutte le persone che nelle vostre comunità di origine o di destinazione si sono date da fare per un momento di festa e di accoglienza si sono impegnate per voi. Le comunità che vi hanno conosciuto, anche per un servizio parziale, minimo, aspettano l’occasione per un abbraccio festoso. Ho sempre ritenuto un po’ eccessivo e scentrato tutto ciò che circonda le “prime messe”. Eppure le comunità e le persone esprimono qualche cosa di profondo, anche queste manifestazioni un po’ esagerate e persino le persone estranee, se vengono raggiunte dalla notizia che un giovane diventa prete, rivelano un interesse, una sorpresa, forse persino un desiderio di capire il significato di una storia e di una scelta. Avete forse un segreto per attrarre l’attenzione di tanta gente? Forse tutta questa gente intuisce che voi conoscete il segreto della gioia e siete abitati dalla speranza. Lieti nella speranza. Non solo per voi stessi. L’ordinazione presbiterale è una grazia che voi ricevete, ma non è solo per voi. Diventate collaboratori del Vescovo per il servizio alla Chiesa”.

Commentando poi il motto dei giovani preti ha aggiunto: “Lieti nella speranza: significa che la gioia cristiana non è frutto dei risultati che l’intraprendenza, la competenza o le coincidenze possono raccogliere; non è frutto della popolarità di cui un prete può godere, non è frutto di condizioni di vita favorevoli e garantite. Perciò la letizia nella speranza non è cancellata o soffocata dai risultati stentati, dall’impopolarità delle scelte e delle parole che vi competono, da condizioni di vita tribolate e precarie”.

A don Giulio anche noi di Crevenna diciamo che siamo in cammino insieme e lo faremo “lieti nella speranza”.

Radio Mater

bannerRMp





RADIO MARCONI

half_banner-2
half_banner-3

  • Photo Gallery
  • Audio Gallery
  • Video Gallery
TU SEI QUI: La parola Lieti nella speranza.