Dopo Pentecoste

 

Settimane dopo il Martirio di san Giovanni il Precursore.

Le settimane dopo il Martirio - sei o sette, a secondo degli anni - si aprono con i primi vespri della Domenica che segue la festa del Martirio di san Giovanni il Precursore e si chiudono con il sabato precedente la domenica della Dedicazione del Duomo di Milano (III di ottobre).
In ambito ambrosiano il martirio per decapitazione (in latino decollatio) di san Giovanni il Precursore assume una rilevanza teologica particolare, strettamente connessa alla dichiarazione evangelica: «Tutti i profeti e la legge hanno profetato fino a Giovanni» (Mt 11,13). Da un lato, chiude il tempo della profezia e della legge, perché inizi il tempo della «verità e della grazia per mezzo di Gesù Cristo» (Gv 1,17); dall’altro, àncora per sempre a Gesù Cristo la profezia e la legge, perché nulla dell'antica rivelazione vada perduto.
La festa liturgica del Martirio di san Giovanni il Precursore custodisce questa particolare comprensione della morte del più grande «fra i nati da donna» (cfr. Mt 11,11), generando un tempo liturgico -le settimane dopo il Martirio - particolarmente adatto a evidenziare «la nuova economia di salvezza cui, nella Chiesa, tutti gli uomini di tutti i tempi sono chiamati a essere partecipi» (Premesse al Lezionario, n. 209).